StellaDelNerd.it

Controfigure de Il Trono di Spade – chi sono e quanto somigliano agli attori!

Pronti a scoprire tutte le controfigure de Il Trono di Spade?

È brutto venire a sapere che non è stata davvero Emilia Clarke a volare sulla schiena di un drago, ma dobbiamo farcene una ragione. Come tutte le serie tv, anche Il Trono di Spade conta su sosia che interpretano i personaggi nei passaggi più pericolosi o particolari. Le controfigure di Game of Thrones vengono usate quando la presenza delle star sul set non è indispensabile o rischiosa.

Daenerys – Emilia Clarke e Rosie Mac

Conosciamo tutti Emilia Clarke, l’attrice che interpreta Khaleesi, la Madre dei Draghi di Game of Thrones. È tosta e sexy: quando c’è lei il set si accende. Ci sono fuoco e fiamme in tutti i sensi! Ma come i grandi attori che si rispettino, ha una controfigura che la aiuta a girare alcune scene.

La sua doppelganger è Rosie Mac, anche lei veramente hot! Eccola in versione Daenerys:

Questa, invece, è lei con i capelli naturali:

Non siamo mai sicuri di essere davanti a Emilia o Rosie quando si tratta di Daenerys: si somigliano davvero tanto! Tuttavia, Emilia Clarke ha rivelato che le scene di nudo nella sesta stagione de Il Trono di Spade sono tutte sue!

pagina successiva

Film come Il Trono di Spade da vedere se sei un fan della serie!

 

Sei un fan della serie Game of Thrones? Non perderti questi film come Game of Thrones: sono tutti film epici e cult da vedere assolutamente una volta nella vita… ma sono anche molto utili per riempire il vuoto tra una stagione e l’altra della serie! Quest’anno la settima stagione di Game of Thrones arriva negli USA il 16 luglio 2017.

Valhalla Rising – Regno di Sangue

Valhalla Rising è un film epico del 2009 con Mads Mikkelsen nei panni del protagonista. Il film è diviso in capitoli e racconta la storia di due personaggi, One Eye (Mikkelsen) e un bambino pagano, lungo il cammino della redenzione. Nel primo capitolo, One Eye è tenuto prigioniero dai vichinghi che lo fanno combattere come un gladiatore…

 

Il Trono di Spade spin off, quali serie tv sul trono di Spade vogliamo vedere

La HBO ha recentemente annunciato di essere al lavoro su ben cinque potenziali spin-off di Game of Thrones, da lanciare dopo la fine della serie nel 2018. George Martin ha rivelato nel suo blog che saranno tutti dei prequel, ambientati prima della serie televisiva. Quindi la conclusione di Game of Thrones con l’ottava stagione sarà definitiva.

Al momento non sappiamo quali spin-off siano in lavorazione, men che meno quali verranno effettivamente realizzati, per ora ci accontentiamo di stilare una lista dei dieci spin-off che ci piacerebbe vedere dopo la fine di Game of Thrones.

La ribellione di Robert Baratheon

Lo spin-off più scontato di Game of Thrones: la caduta della famiglia Targaryen e la conquista del Trono di spade da parte di Robert Baratheon e Ned Stark. Tutti i fan della serie (e dei libri) dovrebbero conoscere già la storia: il folle re Aerys Targaryen II uccide il padre e il fratello di Ned Stark, che avevano chiesto la restituzione di Lyanna, sorella di Ned e promessa sposa di Robert Baratheon, rapita dal principe Rhaegar Targaryen. Gli Stark e i Baratheon si ribellano quindi al trono, facendo scoppiare una guerra civile a Westeros che culminerà con la morte di (quasi) tutti i Targaryen e la presa del potere da parte di Robert. Questi sono gli eventi storici antecedenti Game of Thrones e ci sono stati raccontati negli anni per bocca di diversi personaggi che hanno vissuto in prima persona la sanguinosa guerra. George Martin ha dichiarato che sarebbe inutile uno spin-off sulla ribellione di Robert, perché una volta finito di scrivere Le Cronache del ghiaccio e del fuoco ci saranno abbastanza informazioni sull’argomento. Secondo l’autore non ci sarebbe spazio per nessun colpo di scena o sorpresa in una serie del genere. Eppure, questo spin-off è il più desiderato dai fan, l’anno scorso era circolata persino una petizione in internet a riguardo, e se davvero dovremo aspettare che Martin finisca di scrivere la sua opera, la HBO avrebbe tranquillamente tempo di girare almeno venti spin-off.