Gli 8 luoghi che ogni fan di Game of Thrones dovrebbe visitare una volta nella vita

Per semi-citare il leitmotiv di Game of Thrones: l’estate è arrivata. Quale periodo migliore di questo per pianificare un viaggio? Ma soprattutto, quali mete migliori di quelle che hanno ospitato le riprese della propria serie Tv preferita?
E se siete appassionati di Game of Thrones siete anche molto fortunati: Westeros ed Essos offrono paesaggi così diversi fra loro, tutti meravigliosi, che accontentano qualsiasi fan.
Abbiamo la fortuna di poter scegliere di visitare di persona i luoghi che prestano il volto a Grande Inverno, Approdo del Re, Dorne e molto altro ancora. Dall’Irlanda del Nord al Marocco, ecco le località che ogni fan di Game of Thrones vorrebbe visitare:

 

Dubrovnik, Croazia – Approdo del Re


Con le sue mura e le strette vie della città vecchia, Dubrovnik è lo scenario perfetto per ricreare Approdo del Re, la capitale dei Sette Regni sul cui trono di spade siede ora Cersei Lannister. Proprio lei nella quinta stagione ha espiato le sue colpe durante la Camminata della Vergogna nelle vie della città vecchia.
Da visitare assolutamente la fortezza di Bokar, teatro dei colloqui tra Tyrion e Lord Varys nella seconda e nella terza stagione, e la fortezza di Minčeta utilizzata per rappresentare l’esterno della Casa degli Eterni (House of Undying) nella città di Qarth.

IL TRONO DI SPADE: le teorie più assurde dei fan!

Il Trono di Spade teorie più assurde che esistono!

A partire dall’uscita dei primi libri de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco”, fino ad arrivare alla loro trasposizione televisiva con la serie tv Game of Thrones, i fan da tutto il mondo hanno elaborato decine di teorie, siano esse su personaggi oppure eventi. Anzi, penso sia più corretto dire che sono centinaia! Game of Thrones teorie sui personaggi, sugli intrecci, sulle storie future… Chi più ne ha più ne metta.

Alcune sono verosimili e sensate, altre sembrano essere state partorite dalla mente di un folle. Vediamo insieme le teorie più assurde su Game of Thrones, in un viaggio tra libri e serie tv!

Jon Snow ha una sorella gemella

Come ormai quasi tutti sanno, esiste una teoria decisamente sensata per cui Jon Snow sarebbe il figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark, sorella di Eddard. Vista questa parentela, non solo Jon avrebbe un po’ di sangue del drago ma sarebbe anche l’erede di diritto al Trono di Spade. Ma a parte questa ormai acclamata teoria, ne esiste un’altra decisamente folle: Jon Snow ha una sorella gemella! Secondo questa teoria Lyanna, nella Torre della Gioia, diede alla luce due gemelli e, per forza di cose, non poteva lasciarli entrambe nelle mani di suo fratello Ned.

Altro particolare per capire questa teoria strampalata è che per raggiungere la sorella, Ned ha dovuto combattere contro delle guardie forti e preparate – senza contare il leggendario spadaccino Spada dell’Alba – e solo lui e Howland Reed sopravvissero. Nella serie tv non abbiamo incontrato il personaggio di Howland, ma i suoi figli sì: Jojen e Meera, i due ragazzi che accompagnano Bran nel suo viaggio per raggiungere il Corvo a Tre Occhi. Secondo questa teoria, Meera sarebbe la sorella gemella di Jon per i tratti simili – entrambi con dei tratti fisici simili – e per l’età, in quanto nati entrambi nel 283 AC (non è Avanti Cristo!) stesso anno in cui morì Lyanna Stark.

 

Bran presente – passato -futuro

Come abbiamo scoperto nell’ultima stagione de Il Trono di Spade Brandon Stark può viaggiare nel tempo. Ma ecco la teoria:  nei libri, vengono narrate le storie di diversi Brandon del passato. Brandon il Costruttore, fondatore di casa Stark e colui che decise di costruire la Barriera; Brandon il Navigatore, Brandon il Malvagio, ed esiste un passaggio nei libri in cui per la Vecchia Nan – balia di Grande Inverno – tutti quei nomi sembravano sovrapporsi in un’unica persona. Secondo questa teoria, così come Brandon il Costruttore ha eretto qualcosa di enorme come la Barriera, il nostro piccolo Brandon “Spezzato”, viaggia nel tempo per aiutare in maniera considerevole la lotta contro gli Estranei.

Essendo anche in grado di controllare la mente di animali ma anche di persone (così come ha fatto con Hodor), secondo i fan, un Bran del futuro che vive ormai in un mondo distrutto dagli Estranei, si impossessa della mente di Jaime Lannister portandolo a buttarlo dalla torre, evento che ha dato il via a tutta la storia e che, probabilmente, ha fatto sì che le cose potessero andare diversamente, dando modo ai vari personaggi di prendere parte alla guerra contro i non-morti. Folle, eh?!

Sono una mamma e guardo Il Trono di Spade

Il Trono di Spade: o lo ami o lo odi. Io ho imparato ad amarlo. Non è stato amore a prima vista, tutto è iniziato come una semplice infatuazione legata al genere, poi, come avviene spesso per i prodotti seriali, inizi ad affezionarti a qualche personaggio o, comunque, vuoi sapere come andrà a finire, soprattutto se in gioco ci sono i sentimenti.

Ho scoperto questa serie dopo essere diventata mamma. Tutto è iniziato come uno svago notturno, come passatempo in quelle interminabili notti in bianco, poi si è trasformato in una sorta di appuntamento fisso, anche se, mi rendo conto, non si tratti di una visione molto distensiva.

Provo a spiegarvi il perché questa serie mi piace, anche se, a differenza di molte altre, io non riesca ad identificarmi con nessuno dei personaggi, prerogativa il più delle volte essenziale per riuscire ad arrivare fino in fondo, ma che in questo caso non influisce sulla mia volontà di non perdermi neanche una stagione.

Il primo motivo è puramente narrativo. La complessità e l’evoluzione dei personaggi mi ricorda moltissimo l’intreccio dei grandi classici, ovviamente trasferito in un contesto molto più semplificato e adatto ad una trasposizione televisiva. É un retaggio della mia adolescenza, quando mi immergevo completamente nei romanzi russi per scoprire nel dettaglio la caratterizzazione di ogni singolo personaggio.

Il secondo motivo è più coinvolgente… È impossibile rimanere impassibili riguardo al destino di Daenerys Targaryen, vogliamo tutti sapere come andrà a finire, se riuscirà nel suo intento….

 

Cosa ci aspettiamo dalla settima stagione di Game of Thrones

Credits: HBO

Sono passati sette anni, ma la citazione manifesto del capolavoro creato da George R.R. Martin è sempre la stessa: “Nel gioco dei troni si vince o si muore”. Il copyright è, manco a dirlo, della Regina per eccellenza di Game of Thrones, Cersei Lannister, e le nuove avventure in arrivo nell’estate più glaciale di sempre ci terranno a ribadire il concetto per l’ennesima volta. Cosa ci aspettiamo dalla penultima stagione di una tra le serie tv più belle di sempre? Tutto e il contrario di tutto. Perché se è vero che il sette ricorrerà nelle stagioni come nel numero di episodi previsti e i regni in gioco (forse) per l’ultima volta,  è altrettanto onesto affermare che primavera e autunno non esistano. All’estate corrisponde unicamente l’inverno e viceversa, senza sfumature. Si vince o si muore, e al diavolo i pareggi.

IL TRONO DI SPADE – Tutte le differenze tra libri e serie tv!

il trono di spade differenze

Per quanto fare i paragoni tra serie tv e libri abbia un po’ stancato, è comunque vero che Game of Thrones si è distaccata molto spesso dai romanzi di George R.R. Martin, le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. E, prima che mi mangiate, dico che a volte le differenze hanno migliorato la qualità della storia!

Il Trono di Spade differenze tra libri e serie tv: scopriamole tutte!

La profezia fatta a Cersei

Da bambina, Cersei ha la possibilità di incontrare una strega che abita nei boschi di Lannisport: è Maggy la Rana e l’incontro avviene anche nella serie tv (puntata 5×01). Cersei, sia nei libri che nella serie tv, rivolge delle domande alla strega, domande sul suo futuro. La prima riguardo alla sua incoronazione – “Tu sposerai il re e sarai regina fino a quando non verrà una regina più giovane e bella di te”. Le viene poi detto da Maggy che avrà tre figli, d’oro saranno le loro corone e d’oro anche i loro sudari. Nella serie tv però, manca la parte più interessante della profezia! Manca la parte che riguarda il “Valonqar”:

“Quando sarai annegata nelle tue stesse lacrime, il valonqar chiuderà le mani attorno alla tua gola finché non sopraggiungerà la morte”

Valonqar in alto Valyriano vuol dire “fratello minore“, e ciò spiegherebbe perché Cersei ce l’abbia a morte con Tyrion! Molte teorie però, portano a pensare che questa figura sia invece Jaime: anche se sono gemelli, Cersei ama sempre ricordare come egli sia venuto al mondo pochi istanti dopo di lei.

Jaime a Dorne

Questa è decisamente una delle differenze tra serie tv e libri che meno ho apprezzato (ma nemmeno capito granché). Durante la quinta stagione, Jaime e Cersei ricevono un messaggio poco rassicurante da Dorne: la collana della loro bimba Myrcella all’interno di un serpente. Cersei, sagace, intuisce che forse i Dorniani sono ancora un po’ risentiti per la testa spappolata di Oberyn Martell, quindi comincia a preoccuparsi per Myrcella. Spedisce così Jaime a Dorne, che sceglie di partire insieme a Bronn. Nei libri invece, Cersei manda Jaime a Delta delle Acque, ancora nelle mani dei Tully dalle Nozze Rosse. Purtroppo però, oltre ad essere brutta da guardare, la missione di Jaime nella serie tv fallisce miseramente.

IL TRONO DI SPADE – Le morti più sconvolgenti!

Riviviamo insieme gli addii più memorabili che hanno segnato Il Trono di Spade durante queste sei stagioni. Preparate i fazzoletti!

Jory Cassel

Cattura

Quando: episodio 1×05 “The Wolf and The Lyon

Come: trafitto da una spada

Jory Cassel era il nipote di Ser Rodrik Cassel e capitano della Guardia di Lord Eddard Stark nonché suo uomo di fiducia e fedele amico. Viene ucciso per le strade di Approdo del Re da Ser Jaime Lannister che lo infilza alla testa con la spada nello scontro durante il quale Lord Stark viene fatto prigioniero. Da quel momento tutto è iniziato ad andare a catafascio per gli Stark e i Sette Regni.


Viserys Targaryen

targaryen

Quando: Episodio 1×06, “A Golden Crown

Come: ustionato

Viserys non era certo un personaggio simpatico ma la sua morte è stata decisamente uno shock per noi! Viserys ha sempre voluto possedere una corona. Forse non quella che l’ha portato alla morte. L’oro fuso ustionante versatogli sul capo da Khal Drogo è stato fatale.

Il Trono di Spade attrici senza trucco [FOTO]

Il Trono di Spade attrici senza trucco!

Non è un segreto che Game Of Thrones (Il Trono di Spade) è una delle serie televisive più viste e amate dal pubblico. Merito anche delle meravigliose attrici che recitano nella serie che hanno fatto perdere la testa a milioni di fan! Ma vi siete mai chiesti come sarebbero le attrici de Il Trono di Spade senza trucco!

Lana Headey – Cersei Lannister

Il Trono di Spade attrici senza trucco

Lena Headey interpreta Cersei, moglie del re Robert Baratheon. Per lei la sua famiglia di sangue viene prima di tutto, infatti il padre dei suoi tre figli è suo fratello ed elimina senza rimpianti il marito, facendo salire al trono il suo primogenito, Jeoffrey. Dopo che la profezia in cui i suoi eredi moriranno precocemente si avvera, diventa lei la nuova regina. L’attrice ha intepretato altri ruoli come quello della Regina Gorgo, moglie di Leonida in 300 e quello di Jocelyn Fray in Shadowhunters – Città di Ossa. Recentemente ha rivestito i panni di Catherine De Bourgh in PPZ – Pride+Prejudice+Zombie. È incredibile quanto sia bella senza nemmeno un velo di trucco.

Controfigure de Il Trono di Spade – chi sono e quanto somigliano agli attori!

Pronti a scoprire tutte le controfigure de Il Trono di Spade?

È brutto venire a sapere che non è stata davvero Emilia Clarke a volare sulla schiena di un drago, ma dobbiamo farcene una ragione. Come tutte le serie tv, anche Il Trono di Spade conta su sosia che interpretano i personaggi nei passaggi più pericolosi o particolari. Le controfigure di Game of Thrones vengono usate quando la presenza delle star sul set non è indispensabile o rischiosa.

Daenerys – Emilia Clarke e Rosie Mac

Conosciamo tutti Emilia Clarke, l’attrice che interpreta Khaleesi, la Madre dei Draghi di Game of Thrones. È tosta e sexy: quando c’è lei il set si accende. Ci sono fuoco e fiamme in tutti i sensi! Ma come i grandi attori che si rispettino, ha una controfigura che la aiuta a girare alcune scene.

La sua doppelganger è Rosie Mac, anche lei veramente hot! Eccola in versione Daenerys:

Questa, invece, è lei con i capelli naturali:

Non siamo mai sicuri di essere davanti a Emilia o Rosie quando si tratta di Daenerys: si somigliano davvero tanto! Tuttavia, Emilia Clarke ha rivelato che le scene di nudo nella sesta stagione de Il Trono di Spade sono tutte sue!

pagina successiva

Film come Il Trono di Spade da vedere se sei un fan della serie!

 

Sei un fan della serie Game of Thrones? Non perderti questi film come Game of Thrones: sono tutti film epici e cult da vedere assolutamente una volta nella vita… ma sono anche molto utili per riempire il vuoto tra una stagione e l’altra della serie! Quest’anno la settima stagione di Game of Thrones arriva negli USA il 16 luglio 2017.

Valhalla Rising – Regno di Sangue

Valhalla Rising è un film epico del 2009 con Mads Mikkelsen nei panni del protagonista. Il film è diviso in capitoli e racconta la storia di due personaggi, One Eye (Mikkelsen) e un bambino pagano, lungo il cammino della redenzione. Nel primo capitolo, One Eye è tenuto prigioniero dai vichinghi che lo fanno combattere come un gladiatore…

 

Il Trono di Spade spin off, quali serie tv sul trono di Spade vogliamo vedere

La HBO ha recentemente annunciato di essere al lavoro su ben cinque potenziali spin-off di Game of Thrones, da lanciare dopo la fine della serie nel 2018. George Martin ha rivelato nel suo blog che saranno tutti dei prequel, ambientati prima della serie televisiva. Quindi la conclusione di Game of Thrones con l’ottava stagione sarà definitiva.

Al momento non sappiamo quali spin-off siano in lavorazione, men che meno quali verranno effettivamente realizzati, per ora ci accontentiamo di stilare una lista dei dieci spin-off che ci piacerebbe vedere dopo la fine di Game of Thrones.

La ribellione di Robert Baratheon

Lo spin-off più scontato di Game of Thrones: la caduta della famiglia Targaryen e la conquista del Trono di spade da parte di Robert Baratheon e Ned Stark. Tutti i fan della serie (e dei libri) dovrebbero conoscere già la storia: il folle re Aerys Targaryen II uccide il padre e il fratello di Ned Stark, che avevano chiesto la restituzione di Lyanna, sorella di Ned e promessa sposa di Robert Baratheon, rapita dal principe Rhaegar Targaryen. Gli Stark e i Baratheon si ribellano quindi al trono, facendo scoppiare una guerra civile a Westeros che culminerà con la morte di (quasi) tutti i Targaryen e la presa del potere da parte di Robert. Questi sono gli eventi storici antecedenti Game of Thrones e ci sono stati raccontati negli anni per bocca di diversi personaggi che hanno vissuto in prima persona la sanguinosa guerra. George Martin ha dichiarato che sarebbe inutile uno spin-off sulla ribellione di Robert, perché una volta finito di scrivere Le Cronache del ghiaccio e del fuoco ci saranno abbastanza informazioni sull’argomento. Secondo l’autore non ci sarebbe spazio per nessun colpo di scena o sorpresa in una serie del genere. Eppure, questo spin-off è il più desiderato dai fan, l’anno scorso era circolata persino una petizione in internet a riguardo, e se davvero dovremo aspettare che Martin finisca di scrivere la sua opera, la HBO avrebbe tranquillamente tempo di girare almeno venti spin-off.

© Copyright 2017 BingeTV.it Tutti i diritti riservati.
Good Move Srl
Legal Office: Viale Bianca Maria 17 – 20122 Milano – Italy, Headquarters: Via Carlo Tenca 22 – 20124 Milano – Italy VAT: IT08746250961 – REA: 2046188