Il Trono di Spade: i migliori 10 episodi

Manca ormai pochissimo alla tanto attesa premiere della settima stagione di Game of Thrones, e quale modo migliore di ingannare l’attesa se non passando a rassegna i dieci episodi che hanno fatto dello show targato HBO una delle serie più importanti e discusse degli ultimi anni?

Prima di iniziare una piccola premessa: una classifica del genere tende inevitabilmente a concentrarsi su quelle “puntate evento” che grazie a morti eccellenti, battaglie epiche e momenti iconici hanno reso il Trono di Spade molto più di una semplice serie di successo, fino a trasformarla in vero e proprio fenomeno culturale che tra tifi da stadio, accese discussioni e complicatissime teorie è riuscito a catalizzare ininterrottamente l’interesse del pubblico per ben sei anni. Non va però dimenticato che tanta della forza di questi episodi deriva dal lavoro certosino di world e character building che Benioff e Weiss hanno portato avanti nel corso delle stagioni nonostante le difficoltà insite nel maneggiare un materiale letterario vasto e complesso come quello martiniano e che, insieme alla bravura del cast e alla sempre crescente qualità produttiva, costituisce il vero fondamento del successo di Game of Thrones.

10. 4×09 The Watchers on the Wall

Ad aprire la classifica troviamo un episodio di battaglia: pur patendo il confronto sia con il suo diretto predecessore, “Blackwater”, di cui non possiede l’elemento sorpresa, che con i successivi “Hardhome” e “Battle of the Bastards”, di cui non eguaglia la maestosità, il racconto del conflitto tra Bruti e Guardiani della Notte alla Barriera resta infatti uno dei picchi più alti dello show HBO.  Grazie all’ottima regia di Neil Marshall, l’epicità dello scontro si bilancia alla perfezione con il dramma dei singoli  – pensiamo alla morte di Ygritte tra le braccia di Jon Snow, o al sacrificio di Grenn e dei suoi compagni –, dando vita a un’ora di tv estremamente coinvolgente.

Game Of Thrones: La sigla rifatta con le città italiane

“Game of Thrones Italy – The Project” è l’incredibile video nato qualche anno fa come Progetto di tesi per la Laurea Magistrale presso il Politecnico di Torino di Chiara Sapio e il suo team.

Gli studenti del politecnico hanno ricreato l’intera sigla di Game Of Thrones utilizzando le principali città italiane e i loro monumenti. Roma, Napoli, Palermo, Venezia, Torino, Firenze sostituiranno quindi Approdo del re, Grande inverno  e le altre città originarie in questo fantastico video.

Insomma sembra che l’inverno possa arrivare anche qui in Italia, cosa che farà sicuramente piacere a molti visti questi giorni di afa estiva che anticipano l’arrivo della tanto attesa settima stagione che ricordiamo uscirà ufficialmente su HBO il prossimo 16 Luglio e sarà composta da 7 episodi.

Se Nicolas Cage avesse interpretato tutti i personaggi di Game Of Thrones

Nicolas Cage

Nicolas Cage è senza ombra di dubbio uno degli attori più amati/odiati della rete. Vittima di numerosi meme nel corso degli anni l’attore è stato più volte accusato di essere monoespressione in tutti i suoi film.
Qualche anno fa su Reddit alcuni utenti si sono sbizzarriti, immaginando l’attore come protagonista assoluto in tutti i ruoli in diverse produzioni cinematografiche e televisive, compresa la serie HBO: Game Of Thrones.
Ed in occassione dell’imminente debutto della settima stagione tra 2 settimana ne approfittiamo per riproporvi questa esilarante Gallery:

Game of Thrones 7: Tutto quello che c’è da sapere sulla nuova stagione (SPECIALE)

Game of Thrones tornerà tra meno di un mese e accompagnerà per la prima volta la nostra estate. Ma siete sicuri di sapere tutto sulla settima stagione di Game of Thrones? Dan Weiss e David Benioff  hanno realizzato una stagione molto diversa da quelle del passato non potendo contare minimamente sui testi di George R. Martin Stiamo per assistere allo sbarco a Westeros di Daenerys Targaryen, mentre Jon Snow dovrà prepararsi allo scontro con gli Estranei in alcune delle puntate più lunghe di sempre nella storia dello show. Torneranno personaggi assenti da molto tempo e sicuramente ne moriranno altri dato che ci saranno gli scontri più grandi della storia di Game of Thrones. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla serie nel nostro speciale e arrivare preparati all’estate nonostante l’inverno sia arrivato!

L’assenza dei libri

David Benioff e Dan Weiss si sono trovati a lavorare a questa stagione senza avere alcuna base scritta dai testi di George R. Martin. Lo scrittore infatti non ha ancora concluso The Winds of Winter e i lettori si sono già rassegnati a subire gli spoiler della serie TV tra cui il più grande e atteso era quello sulle vere origini di Jon Snow. Sicuramente tanti altri spoiler ci aspettano e la speranza degli appassionati de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco è che George R. Martin concluda presto i libri per non avere ancora altri spoiler nell’ultima stagione che dovrebbe andare in onda proprio per questo motivo nel 2019.